La chiave del benessere: “l’equilibrio acido basico”

equlibrio acido base

equlibrio acido basico

Perché salute e benessere derivano da un Equilibrio Acido-Basico?

 

Sicuramente avete già sentito parlare di equilibrio acido-basico dell’organismo, ma cosa significa veramente e come si raggiunge? Sempre più spesso emerge che ci troviamo in uno stato di “acidosi”. Ma è veramente così?

A volte capita di accusare un malessere generale, caratterizzato da sintomi come stanchezza, apatia e spossatezza o dolori ossei vaganti.

Spesso la medicina tradizionale non è in grado di isolare la causa di questi disturbi. In questi casi ripristinare il giusto PH fisiologico può rappresentare la chiave per ritrovare il benessere.

Tenere sotto controllo l’equilibrio acido-basico è sempre molto vantaggioso per la salute.

 

Ma vediamo cos’è l’equilibrio acido-basico:

Il mantenimento del rapporto acido-basico è fondamentale per il benessere generale del nostro organismo.

Uno sbilanciamento di questo equilibrio verso un eccessivo livello di acidità può influenzare i meccanismi di depurazione dell’organismo e l’attività del sistema immunitario.

Le funzioni dell’organismo sono complesse e richiedono per il loro funzionamento un perfetto equilibrio tra acido e basico. Quando questo equilibrio viene a mancare a favore di una eccessiva acidità, le funzioni dei singoli metabolismi e organi possono venire alterate.

 

Le due funzioni principali che possono modificare questo equilibrio sono: alimentazione e stile di vita.

L’organismo umano richiede energia, il cibo che mangiamo e l’ossigeno che respiriamo ci forniscono tutti i giorni l’energia per lavorare, camminare, parlare, pensare, fare sport , insomma vivere.

Per trasformare gli alimenti e l’ossigeno in nutrizione ed energia, l’organismo produce scorie metaboliche acide che vengono eliminate attraverso urine, feci, sudore, ma anche attraverso la respirazione. Molte di queste scorie metaboliche acide vengono trasmesse agli organi escretori attraverso il sangue che, essendo leggermente alcalino, ne neutralizza una parte.

Quando, pur con tutti gli accorgimenti fisiologici, le quantità di scorie metaboliche acide superano quelle che il nostro organismo è in grado di eliminare, insorge l’acidosi. L’acidosi è un sovraccarico di sostanze acide “parcheggiate” in alcuni tessuti, aree di riserva, in attesa di neutralizzazione e smaltimento.

Se questi eccessi permangono nel tempo, la conseguenza per il corpo è un rallentamento di vari processi causando nel tempo sintomi vaghi e aspecifici quali:

  • sonnolenza;
  • scarsa concentrazione;
  • stanchezza cronica;
  • problemi intestinali;
  • ritenzione idrica;
  • sovrappeso;
  • crampi muscolari.

 

Cause principali che possono portare ad un eccesso di scorie acide:

  • Attività sportiva intensa;
  • Stile di vita sbagliato (eccesso di alcool, stress, fumo, scarsa attività fisica);
  • Uso protratto di farmaci;
  • Scarsa idratazione;
  • Diete ad alto consumo di alimenti acidificanti (carne, salumi, latticini, zuccheri raffinati);
  • Basso consumo di frutta e verdura.

 

Come capire se sei in acidosi? Con l’apposito “test dell’acidosi”!

La valutazione del pH delle urine, ripetuta per qualche giorno 2-3 volte al giorno, con le apposite cartine tornasole, con scala pH 5-8 fornisce un’indicazione importante.

Se i valori risultano ripetutamente acidi e si discostano notevolmente dalla curva ideale è necessario modificare il proprio stile di vita, integrando la dieta con alimenti alcalinizzanti (frutta e verdura).

 

Il consiglio della vostra erborista di Lonigo :

erborista antonella

 

Per mantenere un corretto equilibrio acido-basico occorre agire su più livelli:

  • Correggere l’alimentazione dando preferenza a frutta e verdura;
  • Correggere lo stile di vita;
  • Utilizzare integratori ricchi di sali minerali.

Organizziamo  la nostra  alimentazione in modo tale che gli alimenti alcalinizzanti rappresentino circa il 75% del consumo giornaliero.

 

Hai dubbi su quali siano gli alimenti acidificanti ?

Lascia un commento sotto; sarò felice di discuterne con te.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *